L'abbazia benedettina di Marienberg sorse per donazione dei nobili di Tarasp nel XII secolo. La sua sopressione, alla fine del Cinquecento, fu evitata solo grazie all'intervento del papa e dei principi del Tirolo, spinti da motivazioni politiche e religiose. Una grande svolta e una fase di rinascita si ebbero all'inizio del Seicento con l'abate Matthias Lang, originario di Weingarten in Germania. Il numero dei monaci crebbe notevolmente e nell'anno 1724 la comunità di Montemaria riuscì a fondare a Merano un ginnasio-liceo umanistico, al quale di lì a poco venne annesso un convitto maschile. Una nuova inversione di tendenza si ebbe invece nel 1807 con la soppressione dell'abbazia da parte del governo bavarese, l'espulsione dei monaci e la sottrazione dei beni di valore conservati nel convento, nella chiesa, nell'archivio e nella biblioteca. Fu costretto a chiudere temporaneamente lo stesso ginnasio-liceo di Merano. Per volere dell'imperatore Francesco I l'abbazia fu tuttavia riaperta nel 1816 e il liceo riprese la sua attività, fino a diventare un centro di formazione d'eccellenza nel XIX secolo. Pius Zingerle, orientalista, Albert Jäger, storico e fondatore dell'Istituto di studi storici di Vienna, e Beda Weber, poeta, germanista e deputato del Tirolo al Parlamento di Francoforte, sono tre benedettini che dettero lustro a quell'istituto, costretto poi a chiudere i battenti nel 1928 per effetto delle pressioni politiche in epoca fascista. Dal 1946 al 1986 la comunità di Marienberg ha ospitato e diretto un liceo privato quinquennale. Per secoli l'abbazia è stata dunque il centro intellettuale dell'Alta Val Venosta, dando l'opportunità di studiare a generazioni di giovani. Ancora oggi per la popolazione locale essa riveste un ruolo importante, avendo rappresentato per molti un punto di riferimento religioso, culturale ed economico.

Parrocchia di Burgusio

La parrocchia di Burgusio si avvale dell'assistenza pastorale dell'abbazia di Marienberg dal 1186. A quell'epoca la parrocchiale era in stile romanico, in seguito venne goticizzata e decorata con affreschi gotici. Risale al XII secolo anche la chiesa di San Nicolò adorna di affreschi romanici.
Nel corso dei secoli furono i padri di Marienberg ad assumersi la guida pastorale. All'epoca della Riforma un predicatore zwingliano tentò di diffondere nella zona la "nuova dottrina", ma senza successo.
Oggi sono impegnati nella cura delle anime molti laici, quali ad esempio i membri del Consiglio parrocchiale, il Movimento degli uomini e delle donne cattolici e diverse associazioni religiose.
Anche a Burgusio come altrove la partecipazione alle funzioni religiose è in calo, ma in compenso è molto più sentita. Alla "chiesa di popolo" (Volkskirche) è subentrata la "chiesa della decisione" (Entscheidungskirche), una guida sicura verso il futuro.

Funzioni religiose della parrocchia di Burgusio:
Domenica ore 09.00 Messa parrocchiale
Sabato ore 19.30 Messa prefestiva
Messa feriale ore 19.30 (mer, ven)

P. Dr. Martin Angerer, Parroco di Burgusio

 

Parrocchia di Slingia

Dal 1181 la valle di Slingia è affidata alla cura pastorale dei benedettini di Marienberg.
I suoi abitanti erano però costretti ad arrivare ogni domenica fino quasi all'abbazia per seguire la messa nella chiesa di Santo Stefano e questo benché a Slingia esistesse da tempo una semplice cappella gotica dedicata a Sant'Antonio, abate risalente al XV secolo, che con i lavori di ampliamento nel XVIII secolo assunse l'aspetto attuale. L'altar maggiore risale al 1763. Dal 1821 in poi Slingia dispose stabilmente di un pastore d'anime residente; dal 1986 la parrocchia di Slingia è di nuovo seguita "excurrendo", vale a dire dall'abbazia.
Slingia ha due santi patroni: Sant'Antonio Abate (ricorre il 17 gennaio) e Sant'Anna Madre della B.V. (ricorre l'ultima domenica di luglio). Dal 2010 il paese non ha più una propria scuola, una grave perdita per la comunità e per la parrocchia. Come in altre parrocchie della provincia, anche a Slingia la partecipazione alle funzioni religiose è in calo, ma continuano ad esserci parrocchiani fedeli, che partecipano con fervore e convinzione alla messa.

Funzioni religiose della parrocchia di Slingia:
Domenica ore 09.00 Messa parrocchiale
Messa feriale venerdì ore 16.30 dal 1° ottobre al 30 aprile e ore 20.30 dal 1° maggio al 30 settembre.
Durante la Quaresima ogni martedì alle ore 16.30 Via Crucis.
Nei mesi di maggio, ottobre e novembre rispettivamente funzione mariana (ore 20.30), rosario di ottobre (ore 16.30) e rosario per i defunti (ore 16.30) ogni martedì.

P. Peter Perkmann, Parroco di Slingia

Castel Fürstenburg

Dopo alterne vicissitudini, Castel Fürstenburg, costruito nel XIII secolo come residenza venostana dei vescovi di Coira, divenne nel 1883 proprietà dell'abbazia di Marienberg. L'abbazia concesse in locazione il castello prima a un mastro birraio (dal 1890 al 1906) e quindi nel 1952 alla Provincia di Bolzano, che ne fece la sede di una scuola per l'agricoltura. La Scuola professionale per l'agricoltura e silvicoltura conta oggi 148 allievi di ambo i sessi, 87 dei quali alloggiano nel pensionato annesso.

L'abbazia non ha avuto e non ha solo il ruolo di proprietaria del castello; la formazione e l'educazione religiosa degli allievi, così come il loro accompagnamento pastorale e spirituale, sono compiti a cui i monaci tengono molto. Per questo è sempre un confratello a ricoprire la funzione di guida spirituale nel pensionato e a volte di docente di religione nella scuola. Tra i compiti vi è l'intera formazione degli allievi, che mira a consentire loro di vivere in modo pieno e gratificante. Per questo motivo, oltre alle regolari celebrazioni liturgiche, nell'abbazia si svolgono anche giornate di ritiro destinate agli allievi. A ciò si aggiunge la presenza sistematica e la partecipazione di un confratello alla vita della scuola e del pensionato.


Sito di Fürstenburg (solo in lingua tedesca)